Comportamento dei dipendenti sui Social Network

Comportamento dei dipendenti sui Social Network

Massimo Compagnino by

Sentenze e rischi di licenziamento in attesa di un intervento del legislatore.

Le condotte private assunte mediante l’uso dei social network hanno rilievo disciplinare e possono giustificare il licenziamento.

Negli ultimi anni, i Tribunali italiani hanno iniziato ad affrontare la questione con provvedimenti molto rigorosi.

Ad esempio, il Tribunale di Milano ha ritenuto legittimo il licenziamento di un dipendente che, durante l’orario di lavoro, aveva scattato e pubblicato su Facebook le foto di colleghi, accompagnate da commenti negativi nei confronti dell’azienda (ordinanza 1/08/2014).

E’ stato ritenuto legittimo anche il licenziamento di un lavoratore che aveva pubblicato l’immagine dell’ordine giudiziario di riammissione in servizio, seguito da frasi sprezzanti e volgari nei confronti della società e di alcune colleghe (Trib. Ivrea, 28/1/2015).

Valido anche il licenziamento di un dipendente a cui era stato contestato di aver “postato” una fotografia che lo ritraeva nella posa di impugnare una pistola (Trib. Bergamo, 24/12/2015).

Secondo queste sentenze, postare immagini su Facebook non equivale semplicemente ad inviarle alle persone del proprio circolo di amicizie perché la portata offensiva di un comportamento tenuto in rete è acuita dal fatto che ogni “post” è potenzialmente in grado di giungere a conoscenza di un miliardo di persone.

Facebook sta profondamente cambiando le nostre vite, al punto che – evidenziano gli esperti – il legislatore italiano non potrà restare indifferente di fronte all’esigenza di disciplinare la questione ed evitare il rischio di legittimare provvedimenti espulsivi ritenuti gravemente lesivi del vincolo fiduciario sulla base del grado di sensibilità di ciascun datore di lavoro e non di parametri oggettivi.

Fino ad allora, un po’ di prudenza nell’utilizzo di Facebook è consigliabile.

Per maggiori informazioni sul tema “comportamento dei dipendenti sui Social Network” scrivere a Massimo Compagnino 

You may also like

Centro Preferenze Privacy

GDPR

Cookie collegati al Regolamento Europeo per la protezione dei dati Personali (GDPR).
Questi cookies tengono traccia delle preferenze sulla Protezione dei dati degli utenti non registrati al sito.

gdpr[allow_cookies],gdpr[consent_typ]

GOOGLE

Google.
Sono cookies necessari per conoscere le statistiche di accesso al sito e gestire la promozione commerciale sulla rete di ricerca e banner di google.

_ga: cookie che consente di distinguere i dispositivi, tenere statistiche degli accessi e poi identificare il dispositivo che ha il cookie installato anche in altri siti web per proporre pubblicità in target con gli interessi di navigazione (remarketing)

Durata se non cancellato manualmente: 26 mesi

_gid: cookie che consente di distinguere gli utenti
Durata se non cancellato manualmente: 24 ore

_gat: cookie che consente di sapere il numero di richieste al sito. Durata se non cancellato manualmente: 1 minuto

_ga,_gid,_gat

LOCAL STORAGE

Cookie Local Storage per memorizzare dati della sessione di navigazione sul computer dell'utente per velocizzare la navigazione. I dati vengono eliminati al termine della sessione.

Local Storage

ISCRZIONE NEWSLETTER

Cookie usato per sapere se ci si è già registrati alla newsletter

Newsletter

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?