CARICAMENTO

Type to search

L’algoritmo di Instagram: ci mostra quello che ci piace!

L’algoritmo di Instagram: ci mostra quello che ci piace!

Media For Health
Share

Vi siete mai chiesti con quale criterio Instagram decide le foto da farci vedere? Alla base di tutto, come per Facebook, c’è un algoritmo. Mentre in passato il criterio seguito era quello puramente cronologico, oggi ogni contenuto viene mostrato per primo grazie ad un algoritmo personalizzato sulle abitudini di ogni utente.

Il nuovo feed permette di visualizzare il 90% dei post pubblicati dagli amici e di passare più tempo sulla applicazione. 

L’algoritmo di Instagram, che ricordiamo appartiene a Facebook, usa un sistema di apprendimento automatico basato sul comportamento e le interazioni di ogni singolo utente, tenendo così in considerazione i commenti, i like e l’interesse mostrato per i vari contenuti. In questo modo, questa tipologia di post sarà quella che ci apparirà per prima quando entriamo nell’app.

Tre sono i criteri su cui si fonda l’algoritmo:

Interesse: l’algoritmo stabilisce l’interesse per un post in base all’interesse mostrato in passato per contenuti simili.

Attività recente: cioè quanto un post è stato pubblicato di recente, dando priorità a quelli nuovi rispetto a quelli vecchi.

Interazioni: l’algoritmo tiene conto delle interazioni passate con l’utente che ha pubblicato un post, dai commenti ai like ai tag nelle foto.

Oltre a questi tre pilastri, Instagram tiene conto anche della frequenza con cui apriamo l’app, cercando di offrirci così una selezione migliore dall’ultima visita; o il numero di follower, che se è alto, ci mostrerà post diversi invece che molti dello stesso utente.

Interessante notare che il nuovo feed non favorisce il formato foto o video ma è settato su quello che le persone guardano o commentano. Se un utente non guarda molto spesso video, gliene compariranno meno.

Ma soprattutto il nuovo feed non fa apparire più di frequente gli account personali o quelli commerciali. Ovviamente in un mare immenso di foto, se vogliamo dare più visibilità ai post, la strada da seguire è quella della sponsorizzazione. Secondo Instagram è una conseguenza naturale della presenza sempre più massiccia di persone e aziende che pubblicano sulla app, quando la quantità media di tempo che le persone passano su Instagram è sempre la stessa.

Tags:

Suggeriti

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Centro Preferenze Privacy

Necessary

Cookie collegati al Regolamento Europeo per la protezione dei dati Personali (GDPR).
Questi cookies tengono traccia delle preferenze sulla Protezione dei dati degli utenti non registrati al sito.

gdpr[allow_cookies],gdpr[consent_typ]

Advertising

Pixel che consente di personalizzate la pubblicità su facebook (post sponsorizzati) per gli utenti che hanno visitato il sito.

Facebook_Pixel

Analytics

Google.
Sono cookies necessari per conoscere le statistiche di accesso al sito e gestire la promozione commerciale sulla rete di ricerca e banner di google.

_ga: cookie che consente di distinguere i dispositivi, tenere statistiche degli accessi e poi identificare il dispositivo che ha il cookie installato anche in altri siti web per proporre pubblicità in target con gli interessi di navigazione (remarketing)

Durata se non cancellato manualmente: 26 mesi

_gid: cookie che consente di distinguere gli utenti
Durata se non cancellato manualmente: 24 ore

_gat: cookie che consente di sapere il numero di richieste al sito. Durata se non cancellato manualmente: 1 minuto

_ga,_gid,_gat

Other

Cookie usato per sapere se ci si è già registrati alla newsletter

Newsletter

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?