CARICAMENTO

Type to search

LE APP PER I PROFESSIONISTI SANITARI

News

LE APP PER I PROFESSIONISTI SANITARI

Mario Mauri
Share

APP PER I PROFESSIONISTI SANITARI: Secondo i più affidabili sondaggi e analisi i medici, sono generalmente, utilizzatori appassionati sia di dispositivi mobili, sia di applicazioni su di essi disponibili. La sfida, tuttavia, per molti medici utilizzatori di iPad, è dove trovare raccomandazioni affidabili su quali applicazioni utilizzare. Nel tentativo di dare un aiuto concreto sotto questo aspetto, Apple ha modificato e migliorato la sezione “Apps For Healthcare Professionals”, nella versione statunitense dell’App Store, rendendola inoltre più visibile, dato che appare ora costantemente nella sezione medica di AppStore.

A Maggio 2012 Manhattan Research ha pubblicato i suoi dati più recenti sull’adozione da parte dei medici di smartphone, tablet e app, e tutti presentano valori più elevati della media dei consumatori. In maggio la società di ricerca ha scoperto che il 62% del medici statunitensi possiedono un qualche tablet – il doppio rispetto al 2011 – e, oltretutto, molti dei possessori di un device avevano programmato di acquistarne uno addizionale entro pochi mesi.

iPad continua ad essere il tablet preferito dai dottori. Solo il Kindle Fire ha fatto qualche progresso superando il 10% della fetta di mercato, valore a cui si fermano tutti gli altri concorrenti.

Il vicepresidente delle ricerche della Manhattan, Monique Levy, ha fatto notare che, sebbene l’utilizzo di tablet sia in aumento, i dottori non stanno trovando in essi un dispositivo in grado di sostituire i loro smartphone. Una delle maggiori lamentele verso i tablet, secondo i medici intervistati, è che sono troppo grandi per le tasche dei camici. Levy ha inoltre aggiunto che le divise con tasche più grandi, già in commercio, non stanno “prendendo piede”, almeno secondo le migliaia di medici intervistati.

Il nuovo iPad mini sicuramente potrebbe essere una soluzione a questo problema, il che potrebbe tradursi in una “cannibalizzazione” del mercato degli smartphone nei prossimi anni.

Come utenti di App, i medici tipicamente scaricano meno applicazioni della media degli utenti, ma usano quelle poche in modo molto più assiduo, sempre secondo la ricerca Manhattan. Tra una visita e l’altra, i medici consultano notizie, guardano video o accedono alle cartelle cliniche digitalizzate. Durante le visite, invece, le attività che i medici svolgono tramite i loro dispositivi mobili sono più ristrette, e secondo Levy spesso sono attività che possono essere concluse in uno, due passaggi al massimo. Circa il 18% dei medici usa alcune funzioni della cartella clinica digitale sui propri dispositivi mobili – anche gli smartphone. La più grande sorpresa avuta dalla Manhattan Research durante il suo sondaggio, è stata la mancanza di offerte mobili con funzioni dedicate alla condivisione dello schermo coi pazienti durante le visite, come rotazioni o effetti grafici.

A Settembre 2011, Apple ha aggiunto una sezione nel suo AppStore per i professionisti della sanità che include circa 50 Applicazioni disegnate per gli utenti iPad e iPhone. Poco più di un anno dopo questa sezione è stata lievemente ammodernata: Apple ha aggiunto una nuova sottosezione per le infermiere, cambiato alcuni nomi delle sezioni e aggiunto altre app. Apple ad oggi raccomanda circa 80 applicazioni per i professionisti della sanità, una lista sicuramente interessante.

Trovare applicazioni di qualità è stato un problema a lungo irrisolto per medici, infermieri e altri professionisti sanitari. Scorrere una lista che, ad oggi, annovera decine di migliaia di applicazioni per trovare quelle utili per attività sanitarie, è solitamente un lavoro improbo, a meno che non si sappia già cosa cercare. Negli anni una manciata di blog hanno cercato di offrire segnalazioni e recensioni da parte di studenti di medicina o medici: Happtique, ad esempio, ha rapidamente ottenuto un notevole seguito sviluppando una lista filtrata delle applicazioni mediche per rendere più facile la loro individuazione. E anche Apple pare stia lentamente facendo la sua parte, mettendo in evidenza le applicazioni che mostrano una certa qualità.

Per ora in Italia abbiamo nell’App Store una sezione intitolata “Medicina”, aspettiamo che anche qui nasca la sezione dedicata ai professionisti sanitari.

Per maggiori informazioni Mario Mauri

Tags:
Mario Mauri
Mario Mauri

Mario è fondatore e Managing Partner di Media For Health. Media For Health è l’agenzia di comunicazione con competenze specifiche nel marketing digitale orientate al settore salute. Competenze finalizzate a un traguardo: il successo della vostra presenza on-line.

  • 1

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Centro Preferenze Privacy

Necessary

Cookie collegati al Regolamento Europeo per la protezione dei dati Personali (GDPR).
Questi cookies tengono traccia delle preferenze sulla Protezione dei dati degli utenti non registrati al sito.

gdpr[allow_cookies],gdpr[consent_typ]

Advertising

Pixel che consente di personalizzate la pubblicità su facebook (post sponsorizzati) per gli utenti che hanno visitato il sito.

Facebook_Pixel

Analytics

Google.
Sono cookies necessari per conoscere le statistiche di accesso al sito e gestire la promozione commerciale sulla rete di ricerca e banner di google.

_ga: cookie che consente di distinguere i dispositivi, tenere statistiche degli accessi e poi identificare il dispositivo che ha il cookie installato anche in altri siti web per proporre pubblicità in target con gli interessi di navigazione (remarketing)

Durata se non cancellato manualmente: 26 mesi

_gid: cookie che consente di distinguere gli utenti
Durata se non cancellato manualmente: 24 ore

_gat: cookie che consente di sapere il numero di richieste al sito. Durata se non cancellato manualmente: 1 minuto

_ga,_gid,_gat

Other

Cookie usato per sapere se ci si è già registrati alla newsletter

Newsletter

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?